ORTO BIO FOR OPEN SCHOOL

Grande soddisfazione per le prime lezioni teoriche e pratiche di agricoltura biologica ai ragazzi della scuola secondaria Dante Alighieri di Merlara (PD): Paolo Steccanella, produttore agricolo bio e socio storico di AIAB VENETO ha appassionato i ragazzi trasmettendo loro i principi dell’agricoltura biologica, e successivamente li ha affiancati nella realizzazione dell’orto biologico.

Coinvolte a vario titolo la scuola, l’amministrazione comunale, SESA SpA e AIAB VENETO. In particolare SESA SpA ha fornito i cassoni di legno e il substrato (compost e terriccio), mentre AIAB VENETO ha fornito parte delle piantine e la consulenza tecnica.

Questa iniziativa è stata resa possibile grazie alla partecipazione della scuola media di Merlara al progetto europeo Open Schools for Open Societies –OSOS, del programma Horizon 2020 per la ricerca e l’innovazione. Obiettivo principale del progetto OSOS è trasformare alcune scuole del territorio nazionale in Open School (scuole aperte), attraverso sia l’innovazione nell’insegnamentodelle scienze che invitando famiglie, comunità locale, imprese, esperti, università e altre realtà presenti sul territorio, a lavorare insiemesu progetti che soddisfino esigenze e sfide reali sia dell’intera società che delle comunità locali.

L’idea della professoressa Mariapia Borghesan, cuore mente è braccia del progetto, è semplice ma allo stesso tempo vincente: provare a dare un contributo concreto ai problemi di inquinamento della zona nell’ottica dello sviluppo sostenibile.

Il risultato è che i ragazzi hanno apprezzato moltissimo l’iniziativa perché hanno potuto lavorare all’esterno delle aule, collaborare fra di loro, prendersi cura delle piante fornendo loro l’acqua quotidianamente, con la soddisfazione di vederle crescere. Soddisfatta anche la professoressa: dal punto di vista dell’insegnamento le attività concrete al di fuori dell’aula hanno apportato un contributo significativo all’apprendimento delle competenze scientifiche, ma anche di quelle sociali e civiche, permettendo inoltre di collegare quanto studiato "in classe" con la realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *