NUOVE OPPORTUNITÀ PER L’AGRICOLTURA SOCIALE

Il 14 febbraio 2019 presso la Corte Benedettina di Legnaro (PD) si è svolto il seminario “FATTORIE DIDATTICHE E AGRICOLTURA SOCIALE: OPPORTUNITÀ ED ESPERIENZE IN ATTO”, che ha permesso ad operatori e tecnici di aggiornarsi e prendere spunti importanti.

La giornata si è aperta con l’intervento di Jacopo Testoni della Regione Veneto che ha illustrato il bando della misura 16.9.1 “Creazione e Sviluppo di pratiche e reti per la diffusione dell’agricoltura sociale e delle fattorie didattiche”: in scadenza il 27 aprile 2019, mette a disposizione un importo di 1 000 000 euro.

Fulcro del seminario e parte più interessante è stata la presentazione dei 9 progetti in atto nel territorio regionale nell’ambito dell’agricoltura sociale.

Le prime 3 esperienze presentate sono state:

– “Agricoltura Sociale e Probation”, nata per cercare di rimediare al problema di sovraffollamento delle carceri italiane e che ha l’obiettivo di inserireaffidati in esecuzione penale esterna nell’attività agricola. Il soggetto capofila è LA FATTORIA IN CITTÀ ONLUS con altre 3 realtà agricole come partner effettivi, oltre all’Ufficio Esecuzione Penale Esterna, il Ministero della giustizia e il CSV di Padova.

– “WORKING4WORK” (fonte della foto in evidenza) ha l’obiettivo di favorire l’inclusione lavorativa di persone con disabilità intellettiva attraverso l’agricoltura sociale nella provincia di Belluno: la cooperativa La Fiorita è la capofila del progetto con altri 5 partner, tra i quali ULSS 1 Dolomiti.

– “WELLSOCIAL”. Obiettivo sviluppare un modello di servizi socio-sanitari imperniato su aziende agricole idonee nel territorio Polesano: i soggetti interessati sono 3 tra cui AULSS 5 Polesana.

Le presentazioni successivi erano di attività finanziate da precedenti bandi regionali e tuttora in attività:

– “Paesaggi Didattici” si sviluppa nell’alto vicentino con capofila il comune di Schio, ed è nato per proporre programmi educativi volti a favorire stili di vita sani e sostenibiliper i bambini in attività scolastica.

– “AGRI SOCIAL BIO 4 ALL” è una rete regionale nelle province di Padova, Rovigo e Vicenza nata per rendere sostenibili le aziende agricole con il miglioramento di margini di vendita dei prodotti a Doppio Valore (Sociale e Agricolo), attraverso la trasformazione con ricette di qualità di prodotti, vendita diretta al pubblico e formazione degli operatori, in particolare i giovani.

– “Agricoltura sociale per il durante e il dopo di noi” è una rete situata principalmente nelle province di Padova e Vicenza, con capofila la società agricola la Costa. Vogliono dimostrare scientificamente i benefici determinati dai progetti di agricoltura sociale e migliorare la redditività delle fattorie sociali attraverso l’individuazione di strategie produttive e commerciali e di marketing per collocare nel mercato i prodotti dal doppio valore: agricolo e sociale.

– “ASP – AGRICOLTURA SOCIALE PEDEMONTANA“ con capofila l’azienda agricola Pachamama ha la finalità di attivare percorsi di inserimento modulabili a seconda delle esigenze della persona e delle sue fragilità, che non trova collocamento nelle realtà sociali odierne o nel mondo del lavoro strutturato.

Infine il GAL Montagna Vicentina ha presentato i 4 progetti chiave finanziati dal Piano di Sviluppo Locale (PSL). Per “progetto chiave” s’intende un’iniziativa “integrata” cioè strutturata su almeno 2 tipi d’interventi e più soggetti attuatori, sia pubblici che privati, con l’obiettivo lo sviluppo del territorio locale.

Non sono mancate le critiche indirizzate alla regione, perché le aziende agricole si trovano in difficoltà per i costi iniziali da sostenere e per l’elevata burocrazia in seguito all’iscrizione all’albo regionale.

Auspichiamo che l’agricoltura sociale possa rappresentare un’opportunità per un numero sempre maggiore di aziende agricole, magari non da sole: cooperare ed entrare in rete aumenta la probabilità di successo, oltre a garantire tanta soddisfazione personale condivisa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *