Le Iene e il falso BIO: uno per tutti?

Da più di 25 anni siamo impegnati nel promuovere i principi e le buone pratiche dell’AGRICOLTURA BIOLOGICA in Italia, e nonostante le limitate risorse disponibili anche gli ultimi dati disponibili confermano che produzione e consumo continuano a crescere.
Molto resta ancora da fare per migliorare l’informazione e svelare cosa si cela sotto la punta dell’iceberg: chi acquista BIOLOGICO non solo tutela la propria salute e quella dei suoi familiari, ma contribuisce a mantenere fertile la terra, limpidi i fiumi, pulita l’aria.
Confidiamo che il regolamento che verrà faciliti il lavoro dei tanti operatori onesti, oltre a aumentare le tutele nei confronti del consumatore rafforzando l’efficacia dei controlli che gli Enti di Certificazione effettuano quotidianamente.
Dopo aver visto il servizio delle Iene si potrebbe essere spinti alla facile generalizzazione, con il risultato di tatuare a tutto il movimento lo stemma dei disonesti.
Il fine di questo comunicato altro non è che un appello appassionato: chiunque sia a conoscenza, o abbia ragionevoli dubbi sulla serietà di taluni operatori “furbetti”, per favore denunci prontamente… magari agli organismi di controllo autorizzati dal Ministero, ai NAS, alla Repressione Frodi, alla Polizia Locale!

Agli amici delle Iene l’invito a pedinare, da soli o insieme a noi, i tanti agricoltori “scemi” che continuano a credere in quello che fanno: in Veneto sono più di 1300, a voi la scelta!!
Buone pratiche, persone eticamente corrette, sviluppo sostenibile: scommettiamo che l’audience non ne risentirà? IENA RIDENS, BIO IUVANT…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *